Huawei Ascend P7, sfida a Samsung e Apple: presentato lo smartphone di alta gamma a basso prezzo

image

PARIGI – Un nuovo smartphone di alta gamma, anche se costerà 399 euro. Potrebbe bastare questo per riassumere la filosofia di Huawei, colosso cinese di tecnologia, che da

qualche anno è entrata nell’olimpo delle maggiori aziende del pianeta grazie al low-cost. La nuova creatura si chiama Ascend P7, ed è l’evoluzione del precedente Ascend P6.

Il maxi-evento organizzato da Huawei a Parigi per presentare il dispositivo alla stampa internazionale lo dimostra chiaramente: la lista dei competitor nel mercato degli smartphone si è definitivamente ampliata. E non solo perché l’azienda cinese, ormai la terza nel mondo e la quinta in Italia, ha presentato un nuovo gioiellino che in quanto a caratteristiche tecniche e a innovazione darà del filo da torcere ai concorrenti più agguerriti, ma anche perché stavolta quelli di Huawei hanno deciso di affrontare a viso aperto i due colossi per eccellenza: Apple e Samsung.

NON PIÙ SELFIE, MA “GROUFIE”
Sottile appena 6,5 millimetri, Ascend P7, che arriverà in Italia a fine maggio, punta molto sul design e sulla leggerezza. Ma il suo vero punto di forza, oltre al prezzo, è la fotocamera. Quella frontale ha ben 8 megapixel (basti pensare che l’iPhone 5S ne ha 1,2 e il Samsung Galaxy S5 ne ha 2), mentre quella posteriore 13. Si potrebbe dire che Ascend P7 è lo smartphone perfetto per fare i selfie. O anzi meglio, i “groufies”. Proprio così, perché Huawei ha deciso non solo di cavalcare una moda, ma di rivoluzionarla, tanto da inventare un nuovo termine. La camera frontale di Ascend P7 permette di scattare foto panoramiche, così che il selfie possa diventare “di gruppo”. Groufie, appunto. Inoltre per scattare una foto sono necessari 1.2 secondi: quando il display è spento, basta premere due volte il pulsante del volume per attivare la fotocamera e scattare.

Ma non finisce qui: Ascend P7 ha anche una funzione “specchio” talmente realistica che se ci si soffia sopra lo schermo si appanna (una funzione sfiziosa ma piuttosto inutile).

Ascend P7 monta Android 4.4.2. Ha uno slot dual sim, ma quest’ultima caratteristica non sarà sfruttabile in Italia. Forse è anche per questo che il device nel Bel Paese costerà 399 euro mentre altrove sarà commercializzato a 449 euro. Ha anche uno slot per la MicroSd. La batteria, dice lo staff di Huawei, dura due giorni, e con il 10 per cento di carica rimasta il device garantisce 24 ore di stand by.

Insomma, il motto “Siamo delle giovani tigri”, più volte ripetuto sul palco della Maison de la Mutualité come un mantra, sembra descrivere bene le intenzioni dell’azienda cinese leader del low-cost. Il riferimento è infatti a un animale nobile e particolarmente considerato in Oriente. Certo che il culto di sé stessi, che la moda del selfie esalta in maniera assoluta, è quanto di più occidentale possa esserci. In pratica: filosofia orientale ed estetica occidentale. Un mix che potrebbe portare Huawei lontano.

Articolo preso da qui

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...