Archivi tag: quadcore

Xiaomi MiPad

250 (spedizione non inclusa)

340USD (shipping not included)

 

MIPAD-5

Display: 7.9″ Retina IPS (2048×1536) 326ppi
CPU: NVIDIA Tegra K1 2.2GHz Quad core
Ram: 2gb
OS: MIUI V5
Fotocamera: 8mpx Sony
Memoria interna: 16/64gb
Modulo 3g interno: no
Batteria: 6700mAh
Lingua italiana: no

 

Schermo
Materiale dello schermo – IPS Retina ultra-trasparente fit schermo intero
Dimensioni schermo – 7.9 pollici di schermo (diagonale)
Risoluzione – 2048 x 1536 pixel di risoluzione, 326 ppi

Processore
Tipo CPU – quad-core 2.2GHz ARM Cortex-A15 NVIDIA Tegra K1
GPU Modello – 192 NVIDIA CUDA ® architettura core NVIDIA Kepler ™ GPU

Capacità
Memoria Ram – 2GB LPDDR3
Memoria flash ad alta velocità – 16GB/64GB.
Supporto Micro SD (TF) – fino a 128GB.

Supporto di rete
WLAN 802.11/b/g/n/ac
Bluetooth 4.0 WiFi Direct

Fotocamera
Telecamera posteriore Sony 8 megapixel
Fotocamera anteriore 5 megapixel
Apertura F2.0
Acquisizione video supporta 1080p (1920×1080) videocamera HD

Batteria
Capacità 6700mAh ai polimeri di litio

Sensori
Giroscopio supporto
Sensore di luminosità
Sensore di prossimità
Bussola elettronica

Multimedia Player
Lettore musicale supporta i formati MP3, AAC, AAC +, eAAC +, AMR, WB-AMR, MIDI, ogg e altri formati
Video player supporta 1080p (1920×1080, 30 fotogrammi / sec) la

Riproduzione video
Supporto MPEG4, H.263, H.264
Riproduzione foto JPEG di sostegno, PNG, GIF, BMP e altri formati
Flash Player Support

Xiaomi MiPad è il primo Tablet al mondo a vantare la nuova soluzione hardware Nvidia Tegra K1 a 32-Bit. Si tratta di un processore di ultima generazione e probabilmente il più potente ad oggi realizzato su architettura 32-bit come dimostrano i benchmark.

Oltre alla pura potenza, K1 si distingue per la nuova GPU a 192 Cuda Core che permette di avere prestazioni grafiche senza eguali in ambito mobile.

Grafica “paragonabile a quella di console moderne”, effetti particellari all’ennesima potenza e qualità visiva eccezionale anche grazie alla definizione eccezionale del Tablet.

VIDEO PROMO

 

Lo trovi anche qui

 

Oppo annuncia R6007 con l’estetica del Find7

Oppo-R6007-official-images-3

 

Oppo annuncia oggi il suo nuovo smartphone, dal nome R6007. Questo dispositivo di fascia media è caratterizzato da un’estetica simile a quella del Find7, ma a differenza di quest’ultimo è decisamente più compatto e meno potente.

Le dimensioni di questo R6007 sono: largo 68mm, lungo 137mm, spesso 7.75mm e pesa complessivamente 128 grammi. Monta un display IPS da 4.7 pollici con risoluzione di 720×1280 pixel. L’hardware non è dei più scarsi, sotto la sua carena di plastica abbiamo un Qualcomm Snapdragon 400 quad-core da 1.6GHz e da  1GB di memoria RAM e 8GB di ROM espandibile; il tutto incorniciato da una batteria, a mio parere abbastanza ampia, di 2140mAh.

Anteriormente ha una fotocamera da 2 megapixel, mentre la posteriore è da 8 megapixel con apertura f/2.2.

Oppo per il momento smentisce una commercializzazione al di fuori del mercato cinese, a partire dal 3 giugno. Sarà disponibile bianco e nero, al prezzo di 1799CNY, circa 212€.

I migliori smartphone Android cinesi quad-core del 2013

Difficile rimanere impassibili davanti alla prepotente ascesa degli smartphone Android cinesi, in grado di offrire tanta potenza a prezzi vantaggiosi, unita alla comodità del dual-SIM. Se infatti fino a qualche anno fa difficilmente ci saremmo fatti ingannare dalle buone specifiche tecniche di molti modelli cinesi, che spesso celavano dietro linee del tutto simili ai modelli più noti, una qualità ben diversa dalle aspettative, nel corso del 2012 anche noi non abbiamo saputo resistere alla tentazione di provare qualche modello, ordinando l’ X825A , il Jiayu G2, e il ThL W1, che hanno saputo stupirci per prestazioni e affidabilità.
Oggi vogliamo stilare una lista dei migliori smartphone Android cinesi dotati di processore quad-core, modelli a dir poco interessanti, usciti, o in attesa di debuttare nel corso del primo trimestre del 2013. Ad esclusione del Newman N2, basato su processore Exynos 4412 (lo stesso del Samsung Galaxy S3), sono tutti dotati del chip Mediatek MTK6589, il primo processore quad-core della casa cinese, basato su processo produttivo a 28nm (cosa si intende per processo produttivo?), che si contraddistingue per un’ architettura efficiente in gradi di assicurare prestazioni elevate e bassi consumi, affiancato da una GPU (PowerVR SGX 544) con eccellenti prestazioni nel gaming e nel multitasking.

Prima di illustrarvi la lista dei migliori smartphone Android cinesi però, vogliamo fare qualche doverosa precisazione. Si tratta ovviamente di modelli acquistabili solo online presso i noti rivenditori online cinesi, come Pandawill o Aliexpress. In alternativa potete rivolgervi agli store online italiani o europei, in cambio di un sovrapprezzo che include le spese doganali, e le tempistiche inferiori rispetto all’acquisto dalla Cina. A causa dei controlli doganali, è possibile infatti che la merce venga trattenuta per lunghi periodi, rendendo estenuante la nostra attesa (in rari casi fino a 2 o 3 mesi).

Acquistando online da paesi fuori dalla Comunità Europea, è molto probabile che vi verranno chieste delle spese doganali, che includono l’ IVA (21%), il dazio doganale (solo se il valore dichiarato è superiore a 150 euro) più le spese di sdoganamento in importazione, pari 5,50 euro se il valore del materiale non supera i 350 euro. Per quanto riguarda il dazio, uno smartphone, come indicato dal sito web dell’agenzia delle dogane nella sezione “Servizi Online –> Tariffa Doganale TARIC”, non è soggetto al pagamento di dazio Paesi terzi (codice TARIC 8517 1200 90). Ricapitolando al prezzo pagato al rivenditore cinese, vanno aggiunti soltanto l’IVA e 5,50 euro di sdoganamento.

Anche considerando queste spese ulteriori rispetto al prezzo di listino, la convenienza resta, e soprattutto la possibilità di avere uno smartphone Android dalle ottime prestazioni abbinata alla comodità di utilizzare due SIM contemporaneamente, sfruttando le tariffe dei vari operatori in modo opportuno, o separando la sfera privata da quella lavorativa. Vi ricordiamo inoltre che gli smartphone Android cinesi che vi stiamo per illustare sono DSDS (Dual SIM Dual Standy): quando siete impegnati in una conversazione o in una sessione di navigazione web, l’altra SIM risulterà irraggiungibile.

Fatte queste doverose premesse, ecco a voi i migliori smartphone Android cinesi del 2013 dotati di processore quad-core. La lista verrà mensilmente aggiornata nel corso del 2013.

Top 3: Oppo Find 5, Zopo zp980 turbo, Thl W8s

1)   Zopo C2 platinum
2)   Thl W11
3)   Umi X2 turbo
4)   Jiayu S1
5)   Iocean x7
6)   Goophone 2s
7)   Cubot a6589
8)   Jiayu G4
9)   Jiayu G5
10) Newman N2

Articolo preso da qui

Xiaomi Mi3

365€ (spedizione non inclusa)

491USD (shipping not included)

xiaomi

Display: 5″ IPS Retina (1920×1080)
CPU: Qualcomm Snapdragon 800 Quadcore 2.3 ghz
Ram: 2gb
Os: Miui v5/Android 4.1
Fotocamera: 13mpx
Memoria interna: 16gb/64gb
Dualsim: no, 2/3g
Batteria: 3050mAh
Lingua italiana: no, installabile

Ve lo avevamo annunciato in precedenza, il nuovo Xiaomi ormai lo sappiamo che sta sbancando sulle voci di tutti gli appassionati di telefonia, un produttore ormai affermato in Oriente, se non anche il primo produttore cinese, che ci ha mostrato in precedenza ottimi terminali dal prezzo veramente concorrenziale, e che integra un software basato su Android veramente avanzato e veloce.

Ecco quindi un’altro terminale dotato della famosa MIUI, in questo caso la V5, lo Xiaomi Mi3, successore del Mi2s di cui vi avevamo parlato in precedenza, questo terminale, ispiratosi ai Nokia Lumia, precisamente al 920, ha un ottimo rapporto prezzo/prestazioni e verrà commercializzato in due versioni:

Versione Asiatica, quindi limitata all’utilizzo nell’ambiente Orientale poichè dotato degli standard presenti nel luogo, dotato di processore nVidia Tegra 4, un quad-core Cortex-A15 da 1,8Ghz con grafica GeForce a 72 cores. Troviamo poi 2Gb di RAM, e 16 o 64Gb di memoria interna.

La versione europea invece, o del resto del mondo, integra un processore Snapdragon 800 quad-core a 2,3Ghz quindi GPU Adreno 330, sempre con 2Gb di RAM e 16 o 64Gb di memoria interna, acquistabile per ora solo direttamente dalla cina.

Pochi giorni fa abbiamo assistito al passaggio di Hugo Barra da Google a Xiaomi, un cambiamento importante, che potrebbe far pensare ad una collaborazione fra le case e quindi ad una commercializzazione che si allarga in tutto il territorio, europeo e non solo, far passare questi terminali anche sul mercato ufficiale potrebbe voler dire un cambiamento radicale sul modo di vedere i prodotti da parte di chi acquista ma soprattutto dai produttori che si vedono costretti ad adeguarsi all’andamento, un mercato quindi che porterebbe vertiginosi abbassamenti di prezzo degli odierni terminali.

Per il resto il terminale presenta un display da 5 pollici, FullHD con la tecnologia di LG che permette un buon risparmi di ingombro nell’integrazione del touch sul vetro, la scocca sembra essere molto curata e resistente, nella parte dietro troviamo un ottima fotocamera da 13Mpx, che non ha molto da invidiare dai Lumia, infatti il sensore è un Sony Exmor RS con apertura f/2.2.

La batteria è dotata di ben 3050mAh, un autonomia quindi molto elevata, che va a comprendere quasi due giorni di uso normale, che per un telefono con display da 5 pollici è più che buono, invece possiamo anche notare che già sono disponibili alcune cover originali che permettono anche di mantenerlo in posizione per visionare film ma allo stesso tempo proteggono completamente il terminale.

Nella parte bassa troviamo gli altoparlanti, che a quanto pare, dal’ampiezza della feritoia, dovrebbero essere abbastanza performanti.

Lo trovi anche qui

Umi x2

222€ (spedizione non inclusa)

302USD (shipping not included)

umix2

Display: 5″ Retina Gorilla gass 2 HD (1920×1080)
CPU: MTK6589t Quad Core 1.5GHz
Ram: 2gb
Os: Android 4.1
Fotocamera: 13mpx
Memoria interna: 32gb
Dualsim: si, 2/3g
Batteria: 2500mAh
Lingua italiana: si

Potete dimenticarvi i look plasticosi ed economici tipici degli smartphone cinesi, perché Umi X2 Turbo propone linee sicuramente pregiate e un hardware molto più competitivo grazie alla versione evoluta del processore quad-core MediaTek 6589T da 1.5 GHz, abbinato al binomio 2 GB di RAM e 32 GB di memoria interna.

Le specifiche, tipiche di un terminale hi-end, descrivono un display da 5 pollici con tecnologia OGS (One-Glass-Solution), molto luminoso e corredato da una risoluzione Full HD, in grado di garantire un livello di dettaglio e di nitidezza molto elevata. A rifinire questo pannello troviamo il Gorilla Glass 2 di Corning, noto per la sua resistenza ad urti e graffi. La fotocamera posteriore è da 13 Megapixel, mentre quella anteriore è da 5 Megapixel. Non manca ovviamente il supporto Dual SIM, ormai divenuto un vero standard per i chinafonini in commercio.

 

Lo trovi anche qui

 

 

Goophone i9

158€ (spedizione non inclusa)

216USD (shipping not included)

i9

Display: 5.7″ TFT HD (1280×720)
CPU: MTK6589 Quad core 1.2GHz
Ram: 1gb
Os: Android 4.2
Fotocamera: 8mpx
Memoria interna: 8gb
Dualsim: si, 2/3g
Batteria: 3500mAh
Lingua italiana: si

Smartphone degno di nota per il suo prezzo, sono rimasto veramente colpito da quello che si dice in rete di questo terminale, ottimo, veloce e senza problemi degni di nota. Si può inserire tra gli smartphone di fascia alta ma il prezzo fa credere che questo terminale nn lo sia, stiamo parlando di solo 160 euro per uno smartphone di qualità pari a famosi brand.

Consigliato

Lo trovi anche qui